skip to Main Content
Le Filiere Sostenibili Da Filo Alla Green Fashion Week

Le filiere sostenibili da Filo alla Green Fashion Week

Le riflessioni sulla sostenibilità delle filiere legate al tessile-abbigliamento emerse nel corso del convegno di inaugurazione della 48a edizione di Filo sono state al centro della relazione che Marinella Loddo (direttore di Ice-Agenzia Ufficio di Milano) ha tenuto alla tavola rotonda della Green Fashion Week di Roma.

La tavola rotonda che ha inaugurato a Roma la Green Fashion Week (6-9 novembre 2017) ha discusso infatti di moda consapevole e dei temi legati all’innovazione nel tessile.

Come già nel convegno di Filo, il dibattito si è concentrato sulle pratiche che mirano a progettare, produrre, distribuire e smaltire i prodotti tessili con maggiore attenzione all’impatto sulla società e sull’ambiente. La filiera tessile italiana è in grado di dimostrare che si può ridurre l’impatto ambientale delle produzioni senza rinunciare a realizzare articoli belli e confortevoli. Per questo l’essere sostenibile può diventare il punto di forza del sistema. Tra i relatori, oltre a Marinella Loddo, esponenti istituzionali e del mondo delle imprese: da Carlo Medaglia del ministero dell’Ambiente (istituzione tra i promotori dell’iniziativa) a Filippo Servalli (Radici Group) a Marco Richetti (amministratore delegato di Hermes Lab e consulente della Camera nazionale della moda); il coordinatore è stato Massimiliano Falcone dell’iniziativa Connect4Climate della Banca Mondiale.

La Green Fashion Week è un’iniziativa no-profit, volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della sostenibilità e a promuovere il percorso che l’industria della moda deve intraprendere per soddisfare gli obiettivi sottoscritti dai 193 paesi membri dell’Onu con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Back To Top