skip to Main Content
La Moda (italiana) è Cultura.

La moda (italiana) è cultura.

La moda (italiana) è cultura. Ne è convinto il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli che ha varato una commissione per “individuare politiche pubbliche per la tutela, conservazione, valorizzazione e fruizione della moda italiana nella sua accezione di patrimonio culturale”.

Secondo il ministero dei Beni culturali la commissione sulla moda nasce dall’esigenza di “studiare come le politiche pubbliche, statali e a livello locale, possano favorire la tutela, la conservazione, la valorizzazione e la fruizione del patrimonio cultuale rappresentato dalla moda italiana”.

La Commissione terminerà i suoi lavori il 30 maggio 2019 con la trasmissione di una relazione conclusiva.

Presidente della commissione è Barbara Trebitsch, Director of Academic Programmes e membro del Consiglio accademico dell’Accademia di Moda&Costume. Al suo fianco Sara Sozzani Maino, vice direttore di Vogue Italia; Maria Luisa Frisa, critico e curatore e professore ordinario all’Iuav di Venezia; Antonio Mancinelli, capo redattore di Marie Claire; Angelo Flaccavento, fashion writer; Margherita Rosina, professore di Storia della moda all’Università statale di Milano; Rita Airaghi, direttore della Fondazione Gianfranco Ferrè, e Stefania Ricci, direttore del Museo Salvatore Ferragamo e direttore Fondazione Ferragamo; Lapo Cianchi, vice direttore generale e direttore comunicazione eventi di Pitti Immagine; Raffaele Curi, direttore artistico della Fondazione Alda Fendi; Alberto Cavalli, co-direttore esecutivo della Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship; Daniela Tisi, esperta museale; e Paolo Ferrarini, titolare del corso di Fashion and Industrial Design all’Università di Bologna.

Biella, 19 dicembre 2018

Back To Top