skip to Main Content

Il road-show di Filo all’insegna della sostenibilità

Il road-show di Filo all’insegna della sostenibilità

Dopo la pre-view a Parigi, è in programma oggi a Biella la prima tappa italiana del road-show per la presentazione della 52a edizione di Filo, il Salone dei filati e delle fibre.
La riunione di Biella si tiene alle ore 10.30 nella Sala Valetto dell’Unione Industriale Biellese (Via Torino 56).
Il road-show prosegue domani 18 giugno 2019 a Milano (ore 10.30 – Sala Chagall – Palazzo delle Stelline – corso Magenta 61). L’ultima tappa si tiene mercoledì 19 giugno 2019 a Prato (ore 14.30 – Sala Convegni – Camera di commercio di Prato – via del Romito 71).

Il road-show per la presentazione di Filo è un’occasione irrinunciabile di incontro diretto e di dialogo tra aziende e organizzatori. In vista della 52a edizione, la novità di assoluto rilievo che viene presentata agli operatori è FiloFlow, il progetto sostenibilità di Filo.
Spiega Paolo Monfermoso, responsabile di Filo: «FiloFlow è un progetto di tracciatura della filiera, che vuole mettere in evidenza e valorizzare i processi di produzione e i prodotti sostenibili realizzati dai nostri espositori. È un progetto che ha un orizzonte di lungo periodo perché riteniamo che la sostenibilità ambientale e sociale sia una scelta obbligata per le aziende del tessile-abbigliamento – soprattutto quelle di fascia alta – che vogliono restare competitive a livello internazionale. Non a caso, gli espositori di Filo hanno accolto il progetto con entusiasmo».
Prosegue Monfermoso: «Nella nostra concezione, FiloFlow guarda alla sostenibilità in un’ottica di filiera, perché solo così si può garantire la completa tracciabilità dei prodotti. Naturalmente, se parliamo di filiera e di processo produttivo vi includiamo il macchinario tessile: e infatti stiamo studiando sinergie e iniziative da realizzare insieme ad Acimit, l’Associazione dei costruttori italiani di macchinario per l’industria tessile. D’altra parte, la ricerca di sinergie e collaborazioni lungo tutta la filiera del tessile-abbigliamento è un principio che guida l’attività di Filo ormai da vari anni. Ne sono testimonianza le consolidate e sempre più strette collaborazioni con Ice-Agenzia, con Sistema Moda Italia e Milano Unica. Per quanto riguarda quest’ultima, Filo sarà di nuovo presente all’edizione del 9-11 luglio, con una installazione nello spazio dell’Area Tendenze di Milano Unica, dove proporremo i temi di tendenza e i filati presentati all’ultima edizione di Filo. Si tratta di un’iniziativa che abbiamo avviato da alcune edizioni e che ci permette di promuovere l’eccellenza dei filati esposti a Filo presso un pubblico più vasto di buyer internazionali, sottolineando nello stesso tempo la forza della filiera made in Italy».

La seconda parte degli incontri del road-show di presentazione della 52a edizione di Filo è dedicata alla illustrazione delle proposte sviluppo prodotto individuate da Gianni Bologna, responsabile creatività e stile di Filo. Secondo Bologna, «Si può parlare di “empatia” per rappresentare il distacco da un passato segnato dalla separazione tra l’uomo e il suo ambiente rispetto a una modernità e a un futuro che virano verso l’ecosofia vissuta come fondamento per una reale armonia dell’umanità con il suo habitat. Oggi stiamo vivendo non tanto un’epoca di cambiamenti quanto un cambiamento d’epoca, di passo e di parametri. Per questo, dedichiamo le proposte di sviluppo prodotto al tema delle “Metamorfosi” (forse il grado massimo possibile di armonia), con l’intento di mettere in luce l’idea di compenetrazione e di interazione tra esseri e cose».
La 52a edizione di Filo si terrà il 25 e 26 settembre 2019 al Palazzo delle Stelline di Milano.

Scarica file

Back To Top