skip to Main Content
FiloFlow: I Numeri Della Prima Fase

FiloFlow: i numeri della prima fase

Nel corso della 52 edizione di Filo sono stati presentati i primi risultati di FiloFlow, il progetto sostenibilità di Filo.

Al progetto FiloFlow ha aderito il 35% degli espositori. L’82% di loro utilizza anche materie prime originate da riciclo, pre e post-consumo, biomateriali. Sotto il profilo della tracciabilità di filiera, il 96% usa materie prime di origine certificata. L’81 per cento delle aziende nell’ultimo anno ha acquistato (o deciso di acquistare) nuovi macchinari che riducono i consumi di energia o acqua e in generale l’impatto ambientale. L’81% delle aziende dichiara di consumare meno energia rispetto al passato, soprattutto elettricità (95%) ma anche gas (25%). Sono dati certamente positivi, però solo il 22% delle imprese ha un impianto per il recupero di calore e solo il 40% un impianto di energia da fonti rinnovabili: è evidente che qui i margini di miglioramento sono ampi. Il 75% delle aziende ha ridotto il consumo di acqua. Il chemical management è una questione che riguarda in particolare le tintorie: tra quelle che hanno aderito a FiloFlow, il 92% ha ottenuto una certificazione. Il 68% delle imprese ha iniziato un percorso che le porta a riutilizzare o riciclare internamente gli scarti di lavorazione; il 72% li rivende ad altre attività manifatturiere.

Sotto il profilo etico-sociale, il 75% delle aziende ha introdotto piani di formazione continua dei propri dipendenti; il 40% ha un sistema di misurazione della soddisfazione dei dipendenti e il 61% ha realizzato un proprio sistema di welfare.

C’è molta attenzione anche verso i fornitori: il 79% delle aziende ha predisposto un sistema di certificazione e monitoraggio dei propri fornitori, che nell’82% dei casi si basa su indicatori condivisi dagli stessi fornitori.

L’89% delle aziende ha nominato un responsabile della sostenibilità.

 

Biella, 9 ottobre 2019

Back To Top