Art 2

Il ruolo della manifattura alla inaugurazione della 47a edizione di Filo

L’inaugurazione ufficiale della 47a edizione di Filo è avvenuta nel contesto del convegno “Filo 4.0”, organizzato da Filo in collaborazione con Ice-Agenzia e Sistema Moda Italia. Carlo Piacenza, presidente dell’Unione Industriale Biellese, ha sottolineato che: “Il piano Industria 4.0: è un progetto che darà importanza all’industria manifatturiera italiana, e di questo dobbiamo ringraziare il ministro Calenda. Il manifatturiero dovrebbe ottenere maggior riconoscimento anche in Europa, a partire dall’etichetta “made in” e dalla tracciabilità delle produzioni, una questione di particolare valore per i filati”.

Il tema della manifattura è stato ripreso anche da Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il lavoro, sviluppo economico, moda e design del comune di Milano: “Il comune di Milano vuole ripensare la città come piattaforma produttiva non solo di servizi e per questo, soprattutto attraverso le fiere che vi si svolgono, si mette a disposizione dei territori dove la manifattura è ancora molto presente. Per quanto riguarda il sistema del tessile e dell’abbigliamento, per Milano è cruciale “ricostruire” tutta la filiera nella sua interezza, con gli eventi della moda, le fiere dei tessuti e dei filati”.
Mauro Chezzi di Sistema Moda Italia ha ribadito l’importanza del settore: “Nel 2016 il valore della produzione tessile-abbigliamento è stato di 53 miliardi, che rappresentano il 10% del valore aggiunto di tutto il manifatturiero italiano. Il tessile-abbigliamento è parte integrante del tradizionale modello di sviluppo del manifatturiero italiano, capace di anticipare le aspettative del consumatore. Per questo la rivoluzione di Industria 4.0 non ci coglie alla sprovvista. E ci aspettiamo che produca importanti benefici, soprattutto per le aziende di piccola dimensione, come spesso sono quelle tessili”.
Nel suo messaggio per l’inaugurazione della 47a edizione di Filo, il sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto ha ricordato “la ricchezza della nostra filiera della moda e l’unicità di un sistema paese in grado di produrre eccellenze nel campo dei filati, dei tessuti e delle confezioni, per tacere del mondo dell’accessorio e di quant’altro ha a che fare con l’eleganza. E mi pare foriero di buone prospettive il consolidamento del rapporto tra Filo, Ice Agenzia e Sistema Moda Italia, unita alla conferma della vocazione internazionale del settore”.

Biella, 8 Marzo 2017