Xfactor

Chi ha l’X Factor nello stile?

Senza voler anticipare troppo rispetto alle presentazioni del road-show di Filo in programma a dicembre, si può comunque dire che le proposte sviluppo prodotto elaborate da Gianni Bologna per la 49a edizione di Filo accendono i riflettori sugli street style, che sembrano oggi essere una fonte di ispirazione anche per i creatori delle grandi case di moda. Prima di scoprire le tendenze dei filati delle prossime stagioni, può allora essere una buona cartina di tornasole andare a vedere chi (e come) veste i quattro giudici di X-Factor, proprio perché i talent possono essere considerati oggi lo specchio nel quale si riflette l’immaginario collettivo, scelte di abbigliamento comprese.

Non a caso Fedez, un rapper, ha per compagna di vita una web influencer, Chiara Ferragni, che lo consiglia sulle mise da indossare in trasmissione: l’ispirazione è, come si usa dire, “urban-chic” e i brand variano da Prada a Fendi, da Burberry a Versace.

Mara Maionchi, che non è sobria nel linguaggio, sceglie di non cadere nello “stile signora” neanche nell’abbigliamento: ha optato spesso per tonalità forti, stampe animalier, disegni geometrici o optical e tanto glittering in omaggio a uno stile decisamente rock. Tutto di Marina Rinaldi.

Più sfaccettate le scelte della bella Levante, che in trasmissione ha proposto diverse immagini di sé stessa: anni Trenta con Fendi e poi Philosophy, RedValentino e Vivetta.

Manuel Agnelli, che rappresenta il rock alternativo italiano ed è un cinquantenne seppur magnifico (come direbbe Nanni Moretti), si affida di preferenza alla linea giovane della maison Armani, cioè alle giacche in velluto di Emporio Armani.

Sempre Armani, ma in questo caso la prima linea, anche per Alessandro Cattelan, il conduttore.