Italiainvestimenti

Italia Multinazionale: dove investono le imprese

Il Rapporto “Italia Multinazionale”, promosso da Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane in collaborazione con il Politecnico di Milano rimanda un interessante quadro dell’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Secondo il Rapporto “Italia Multinazionale”, nel 2016 l’Italia ha registrato una crescita degli investimenti esteri in entrata del 50% rispetto al 2015, raggiungendo un flusso di 29 miliardi di dollari e guadagnando cinque posizioni nel ranking mondiale. Le imprese estere partecipate da imprese italiane (considerando sia le partecipazioni di controllo, sia quelle paritarie e minoritarie) sempre nel 2016 sono state 35.684, frutto delle iniziative di 13.907 soggetti investitori, mentre le imprese italiane partecipate da imprese multinazionali estere sono 12.743, con l’intervento di 6.704 investitori esteri. Dove investono le aziende italiane? Prevalentemente in Europa (60,6% per cento delle imprese partecipate) benché la dinamica degli anni più recenti abbia premiato soprattutto l’America settentrionale e i principali paesi emergenti. Il rapporto Ice-Politecnico sottolinea però che l’Italia “registra un tasso di iniziative più basso e spesso una taglia d’investimento più ridotta, particolarmente nelle attività manifatturiere: fattori questi che si riflettono nel persistere di un gap di globalità, soprattutto in riferimento all’area del Pacifico, nuovo epicentro dell’economia mondiale”.