Euratex

Euratex cambia strategia

Euratex, la confederazione del tessile-abbigliamento europeo, lancia una nuova strategia per meglio rappresentare e rafforzare la posizione del settore all’interno delle istituzioni comunitarie e delle organizzazioni internazionali.

Il settore tessile-abbigliamento europeo ha un fatturato di oltre 171 miliardi all’anno e si compone di 178mila imprese con 1,7 milioni di addetti. Negli ultimi dieci anni ha intrapreso una profonda azione di modernizzazione che lo ha reso un’industria innovativa e orientata all’export. Alle tradizionali aree di interesse di Euratex – le politiche industriali e commerciali – se ne sono perciò aggiunte altre: sostenibilità, innovazione, formazione. La confederazione ha perciò deciso una ristrutturazione interna con la nomina di tre nuovi direttori: Isabelle Weiler (commercio e industria), Lutz Walter (innovazione e formazione) e Mauro Scalia (industria sostenibile).

Klaus Huneke, presidente di Euratex ha commentato: “La nostra attività di rappresentanza nelle istituzioni europee è cruciale per tutelare gli interessi della nostra industria e per interloquire in modo nuovo con i responsabili delle politiche dell’Ue e le altre parti interessate. Ho piena fiducia che la nuova strategia ci permetterà di realizzare il nostro ambizioso programma”.